SHIGARAKI, SHIGA - MIHO MUSEUM - La scalinata di accesso simmetrica ed imponente e la componente geometrica de...

Foto Giappone
SHIGARAKI, SHIGA. MIHO MUSEUM - La scalinata di accesso simmetrica ed imponente e la componente geometrica del fronte principale
SHIGARAKI, SHIGA. MIHO MUSEUM - Il design semplice e geometrico dei corpi illuminanti ai lati della scalinata di accesso
SHIGARAKI, SHIGA. MIHO MUSEUM - La piazza circolare, il ponte, l'ingresso al tunnel e sullo sfondo la foresta: natura, architettura, arte, appaiono un equilibrio possibile
SHIGARAKI, SHIGA. MIHO MUSEUM - Il tunnel sotto la montagna visto dal museo - I.M. Pei
SHIGARAKI, SHIGA. MIHO MUSEUM - Il cerchio perfetto della porta di ingresso in vetro e metallo proietta la vista nell'atrio interno e da questo oltre la vetrata terminale fino al paesaggio
SHIGARAKI, SHIGA. MIHO MUSEUM - Il cerchio perfetto della porta di ingresso incornicia la vista del tunnel di accesso e della natura circostante
MIHO MUSEUM. Il grande atrio di accesso: la geometria e la luce
SHIGARAKI, SHIGA. MIHO MUSEUM - Particolare dei corpi illuminanti ad applique dell'atrio di chiara matrice geometrica - I.M. Pei
SHIGARAKI, SHIGA . L'atrio di accesso del MIHO MUSEUM
SHIGARAKI, SHIGA. MIHO MUSEUM - La grande parete vetrata con il grande albero e sullo sfondo il paesaggio - I.M. Pei

36

Powered by Amee
SHIGARAKI, SHIGAFoto 351 di 668
SHIGARAKI, SHIGA - MIHO MUSEUM - La scalinata di accesso simmetrica ed imponente e la componente geometrica del fronte principale
Condividi questa foto su: Condividi su Google+ Condividi su Twitter
MIHO MUSEUM - La scalinata di accesso simmetrica ed imponente e la componente geometrica del fronte principale
Attraverso questa scalinata raggiungiamo il livello superiore dell'edificio. Ai lati la natura rigogliosa mimetizza i due piani complessivi dell'edificio. La scalinata scandisce, attraverso il rigore della geometria e della simmetria, il percorso di accesso. La simmetria e la purezza delle forme sono esaltate anche dalla scelta dalle sistemazioni a gradoni del verde laterale e dalla scelta dei corpi illuminanti.

Una grande opera voluta da un mecenate
Il museo fu voluto da Hiroko Koyama - discendente dell'antica famiglia degli Shumei - che nel 1989, chiese a Ieoh Ming Pei (l'architetto statunitense di origine cinese famoso per la piramide di vetro antistante il Louvre), di ideare un luogo che ospitasse, su uno dei monti Shingaraki, la preziosa collezione di sua madre Mihoyoko. Non fu facile trovare il modo per far nascere questa costruzione senza intaccare una delle riserve naturali piĆ¹ suggestive del Giappone.

Una grande sfida
La sfida consisteva soprattutto nel trovare una via d'accesso agevole che non deturpasse il paesaggio. La soluzione fu lunga e laboriosa: ci vollero sette anni e oltre centomila camion carichi di detriti, per riuscire a scavare quel tunnel di 200 metri che conduce nelle viscere della collina che ospita il museo.

APPUNTI DI VIAGGIO
NARA
KYOTO E DINTORNI
OSAKA
NAGOYA E DINTORNI
DISTRETTO DI HIDA
TOKYO

 
 
ARCHITETTURA&VIAGGI è una realizzazione di Sonia Piazzini e Francesco Pinzani. Tutti i contenuti quali logo, impostazione grafica, testi e fotografie sono di proprietà esclusiva degli autori del sito. Pertanto ARCHITETTURA&VIAGGI ed i suoi contenuti NON sono utilizzabili liberamente per scopi commerciali in quanto protetti dalle leggi italiane e internazionali sul diritto di autore.