BANGKOK - Un giovane monaco buddhista sul battello per Wat Arun

Foto Thailandia
BANGKOK. Il Gran Palazzo
BANGKOK. Gran Palazzo - Sala del trono Dusit
BANGKOK. Wat Phra Kaeo visto da Sanam Luang - In primo piano il Phra Si Rattana Chedi e a seguire il Phra Mondop (biblioteca) e il Pantheon reale
BANGKOK. Wat Pho - Il Buddha sdraiato
BANGKOK. Wat Pho - Il piede del Buddha sdraiato
BANGKOK. Wat Pho - una delle sale con un ricco altare in oro del Buddha seduto
BANGKOK. Wat Pho, il tempio più antico e più grande di Bangkok
BANGKOK. Un giovane monaco buddhista sul battello per Wat Arun
BANGKOK. Wat Arun - veduta del tempio dal fiume (Chao Phraya)
BANGKOK. Chinatown - Tempio di Neng Noi Yee

10

Powered by Amee
BANGKOKFoto 98 di 115
BANGKOK - Un giovane monaco buddhista sul battello per Wat Arun
Condividi questa foto su: Condividi su Google+ Condividi su Twitter
Un giovane monaco buddhista sul battello per Wat Arun
Molti maschi thai sono ordinati monaci durante l'adolescenza, anche solo per breve tempo, conquistando meriti per se stessi e per le loro famiglie. L'atto della conquista del merito è essenziale per la vita religiosa thailandese perché indica la consapevolezza che le buone azioni portano a buoni risultati, tra cui la felicità in questa vita e in quella futura (una rinascita migliore); accumulare merito è infatti un modo per diventare responsabili del proprio destino (karma). I monaci vivono di elemosina: ogni mattina percorrono le vie di città o villaggi per la questua. Quello che riescono a racimolare deve bastare tutta la giornata a loro e ai loro confratelli. In definitiva ogni thai è moralmente indotto ad avere una vita nel rispetto delle regole, in quanto le buone azioni si tramuteranno in fortuna, mentre quelle cattive spianeranno la strada per l'infelicità.

In Thailandia prevale il buddismo Theravada, che è religione di stato sotto il patrocinio del re. il buddismo Theravada è basato sulla filosofia dell'astensione e discende direttamente dagli insegnamenti del Buddha. E' una filosofia agnostica, non ammette cerimonie, rituali e templi. Essa venera solo le reliquie e i luoghi consacrati. Tuttavia la pratica thailandese risente di molte influenze induiste, tantriche, e mahayane, mentre sono altresì diffuse credenze magiche, animistiche e astrologiche.

Storia del Buddha
Buddha nacque principe con il nome di Siddharta Gautama nell'India del VI sec a.C., in una piccola comunità montana ai piedi dell'Himalaya. Egli lasciò gli agi, le ricchezze e le sicurezze in cui viveva, si rasò il capo e peregrinò fino alla valle del Gange. Qui Siddharta mentre era in meditazione all'ombra di un albero di fico raggiunse l'illuminazione.
Per molti anni predicò la sua dottrina di redenzione e salvezza; la sua fama crebbe in tutta l'Asia. Buddha e i suoi seguaci s'imposero di non accumulare mai ricchezze, e per tener fede al voto, come simbolo di povertà indossarono un saio giallo. Siddharta morì nel 483 a.C. a 80 anni. Per suo volere non fu eletto un nuovo capo spirituale, in quanto i suoi discepoli dovevano essere guidati dai suoi insegnamenti.
Da allora il Buddismo si è diffuso in tre direzioni, (Sri Lanka - Tibet, Cina, Korea e Giappone - Indocina e parte dell'Indonesia),
dando origine nel corso dei secoli a varie correnti teologiche.
Secondo l'illuminato per ottenere l'appagamento totale bisogna seguire il sentiero della salvezza, cioè gli insegnamenti del profeta. In sostanza solo con il superamento dei desideri terreni e della conseguente insoddisfazione si arriva al Nirvana, ossia alla beatitudine celeste. Il rito tipico per purificare la mente e allontanare le distrazioni è la meditazione.
Un giovane monaco buddhista sul battello per Wat Arun.

APPUNTI DI VIAGGIO
THAILANDIA CENTRALE
THAILANDIA DEL NORD
ISOLE

 
 
ARCHITETTURA&VIAGGI è una realizzazione di Sonia Piazzini e Francesco Pinzani. Tutti i contenuti quali logo, impostazione grafica, testi e fotografie sono di proprietà esclusiva degli autori del sito. Pertanto ARCHITETTURA&VIAGGI ed i suoi contenuti NON sono utilizzabili liberamente per scopi commerciali in quanto protetti dalle leggi italiane e internazionali sul diritto di autore.