L'INNERE STADT - S. Stefano e il Graben - Stephansplatz - Stephansdom: gli alti spioventi del tetto di tegole ...

Foto Vienna
LANDSTRASSE E IL BELVEDERE. Particolare d'angolo della Hundertwasserhaus tra Lowengasse e Kegelgasse
LANDSTRASSE E IL BELVEDERE. Hundertwasserhaus - l'ingresso informazioni con il pavimento irregolare secondo la visione dell'architettura di Hundertwasser
LANDSTRASSE E IL BELVEDERE. Hundertwasserhaus: particolare
LANDSTRASSE E IL BELVEDERE. Hundertwasserhaus - la corte-giardino interna su cui si affacciano i negozi
HIETZING E PENZING. Il babbo posa perplesso davanti alle case modello del Werkbundsiedlung del 1932
HIETZING E PENZING. Werkbundsiedlung - case di J. Hoffmann
HIETZING E PENZING. Werkbundsiedlung, il più importante documento del movimento moderno viennese
 HIETZING E PENZING. Werkbundsiedlung: tetti piani, pareti bianche e ambienti disadorni mostrano l'indirizzo culturale dei progettisti
HIETZING E PENZING. Werkbundsiedlung - case di G. Rietveld
L'INNERE STADT. S. Stefano e il Graben - Stephansplatz - Stephansdom: gli alti spioventi del tetto di tegole smaltate a disegni geometrici

4

Powered by Amee
L'INNERE STADTFoto 40 di 77
L'INNERE STADT - S. Stefano e il Graben - Stephansplatz - Stephansdom: gli alti spioventi del tetto di tegole smaltate a disegni geometrici
Condividi questa foto su: Condividi su Google+ Condividi su Twitter
S. Stefano e il Graben - Stephansplatz - Stephansdom: gli alti spioventi del tetto di tegole smaltate a disegni geometrici
La cattedrale di S. Stefano, esempio significativo di architettura gotica, con la sua guglia costituisce un punto di riferimento di tutta la struttura monocentrica della città e senz'altro simbolo per eccellenza della capitale austriaca.
La prima costruzione romanica, fondata dal vescovo di Passau, risale al XII sec. e parzialmente rifatta in seguito ai danneggiamenti subiti dall'incendio del 1258. Successivamente fu quasi interamente ricostruita in forme gotiche prima nel coro (1304-1340), poi nelle navate (1359-1446), e portata a termine nella seconda metà del XVI sec. con la realizzazione della copertura sul troncone della torre settentrionale. Gravi i danneggiamenti durante la seconda guerra mondiale.
La parte inferiore della facciata (risalente alla dominazione boema del 1263-76 e quindi alla seconda costruzione romanica) è segnata da un avancorpo ad atrio serrato tra le Heidenturme (torri dei pagani), ovvero due torri tardoromaniche fiancheggiate da cappelle gotiche.
Alla testata del transetto si leva l'imponente torre meridionale detta "Steffl" eretta tra il 1359 e il 1433 ed alta 136 metri, irta di pinnacoli e coronata da una sottile guglia a tre ordini. L'interno è a tre navate, da cui nascono le nervature delle volte, con breve transetto e profondo coro.

Nei fianchi della costruzione, con tetto a ripidi spioventi in tegole smaltate dalla ricca policromia, si aprono finestroni coronati da cuspidi finemente lavorate a traforo. La torre, coronata da un'elegante guglia fiammeggiante, è irta di pinnacoli e anch'essa ornata di meravigliosi trafori.

APPUNTI DI VIAGGIO
L'AREA DEL RING
LANDSTRASSE
L'INNERE STADT
SCHONBRUNN
CHIUSA DI NOSSDOLF
TRA IL RING E IL GURTEL

 
 
ARCHITETTURA&VIAGGI è una realizzazione di Sonia Piazzini e Francesco Pinzani. Tutti i contenuti quali logo, impostazione grafica, testi e fotografie sono di proprietà esclusiva degli autori del sito. Pertanto ARCHITETTURA&VIAGGI ed i suoi contenuti NON sono utilizzabili liberamente per scopi commerciali in quanto protetti dalle leggi italiane e internazionali sul diritto di autore.