N MICHIGAN AVENUE - Oltre la Water Tower Place, svetta l'inconfondibile John Hancock Center progettato da Skid...

Foto America del Nord
CHICAGO. Wrigley Building, 400 & 410 North Michigan Avenue - arch. Graham, Anderson, Probst & White, 1919 - 1924
CHICAGO. Magnificent Mile, in N Michigan Avenue, subito dopo il Chicago River
CHICAGO. North Michigan Avenue - la hall interna della Tribune tower
CHICAGO. Gli eleganti interni della Tribune tower
CHICAGO. L'ingresso alla Tribune Tower su N Michigan Avenue
CHICAGO. 32-D2, il robot di Guerre Stellari fatto con i Lego, al Lego Store di N Michigan Avenue
CHICAGO. Il modello LEGO del Millennium Falcon, la famosa astronave dell'universo di Guerre Stellari
CHICAGO. I centri commerciali di N Michigan Avenue
CHICAGO. Apple Store di North Michigan Avenue
N MICHIGAN AVENUE. Oltre la Water Tower Place, svetta l'inconfondibile John Hancock Center progettato da Skidmore, Owings, & Merrill

106

Powered by Amee
N MICHIGAN AVENUEFoto 1060 di 1434
N MICHIGAN AVENUE - Oltre la Water Tower Place, svetta l'inconfondibile John Hancock Center progettato da Skidmore, Owings, & Merrill
Condividi questa foto su: Condividi su Google+ Condividi su Twitter
Oltre la Water Tower Place, svetta l'inconfondibile John Hancock Center progettato da Skidmore, Owings, & Merrill
Proprio come Marina City, il John Hancock Center è un edificio multifunzione di 100 piani di altezza pari a 343.50 m (misurata fino alla copertura superiore, escluso cioè le antenne) ed attualmente è il quinto grattacielo più alto di Chicago (dopo Aon Center). Esso comprende 48 piani di appartamenti (con un totale di 711 appartamenti), 29 piani di uffici, negozi, un albergo, una piscina, una pista di pattinaggio, un ristorante e sulla sommità impianti radio e televisione. Sulla parte superiore l'edificio sono collocati servizi accessori come il proprio ufficio postale e un centro per raccolta rifiuti. Gli appartamenti sono situati nella parte superiore della torre.

Progettato dall'ingegnere Fazlur Khan e dall'architetto Bruce Graham dello studio Skidmore, Owings, & Merrill, fu completato nel 1969.

È uno dei più famosi edifici dello stile noto come espressionismo strutturale, la sua caratteristica distintiva è la struttura esterna a traliccio, con rinforzi ad X, che lascia intendere che la struttura stessa non è solo una decorazione ma parte del sistema portante. L'idea è uno dei concetti basilari che i progettisti di grattacieli hanno utilizzato per raggiungere i record di altezza (la struttura tubolare è essenzialmente la colonna vertebrale che aiuta l'edificio a rimanere diritto durante venti e terremoti).

La struttura a X permette infatti di raggiungere altezze considerevoli, di economizzare acciaio per la costruzione dell'edificio, di resistere a venti di quasi 200 km/h e di aprire lo spazio interno dei piani, aumentando la superficie utilizzabile e la flessibilità degli spazi a discrezione dell'architetto. Queste sue caratteristiche peculiari ne hanno fatto un'icona dell'architettura.
L'edificio si distingue per la sua forma conica; la base del palazzo ha le dimensioni di 80,77 per 50,29 metri e si restringe verso l'alto da 32 a 19,8 metri.

L'interno è stato ristrutturato nel 1995, aggiungendo nell'atrio superfici in travertino e pietra calcarea. La piazza antistante, di forma ellittica, è utilizzata come spazio pubblico, con piante ed una fontana con cascata di 3,7 m. per attutire il rumore del traffico di Michigan Avenue.

Indirizzo:
John Hancock Center, 875 N. Michigan Avenue

APPUNTI DI VIAGGIO
 
 
ARCHITETTURA&VIAGGI è una realizzazione di Sonia Piazzini e Francesco Pinzani. Tutti i contenuti quali logo, impostazione grafica, testi e fotografie sono di proprietà esclusiva degli autori del sito. Pertanto ARCHITETTURA&VIAGGI ed i suoi contenuti NON sono utilizzabili liberamente per scopi commerciali in quanto protetti dalle leggi italiane e internazionali sul diritto di autore.