L'AREA DEL RING - Postsparkassenamt (Banca postale) - Georg-Coch Platz n. 2 - O. Wagner

Foto Vienna
LANDSTRASSE E IL BELVEDERE. Dal Belvedere vista sulla città: si distingue la guglia di S.Stefano
LANDSTRASSE E IL BELVEDERE. Il babbo e sullo sfondo Il Belvedere Inferiore
L'AREA DEL RING. Postsparkassenamt (Banca postale) - Georg-Coch Platz n. 2 - O. Wagner
L'AREA DEL RING. Postsparkassenamt in Georg-Coch Platz: particolare del cornicione superiore
 L'AREA DEL RING. Particolare dell'ingresso della Banca postale in Georg-Coch Platz
L'AREA DEL RING. Postsparkassenamt - veduta della sala cassa
L'AREA DEL RING. Postsparkassenamt - particolare dei radiatori ad aria calda in alluminio della sala cassa
L'AREA DEL RING. Postsparkassenamt - interni: particolare della scala
L'AREA DEL RING. DACHAUSBAU -  WIEN (1984-1988), FALKESTRASSE
L'AREA DEL RING. Uffici hi-tech in acciaio e vetro di Coop Himmelbau all'attico dell'edificio in Falkestrasse

2

Powered by Amee
L'AREA DEL RINGFoto 13 di 77
L'AREA DEL RING - Postsparkassenamt (Banca postale) - Georg-Coch Platz n. 2 - O. Wagner
Condividi questa foto su: Condividi su Google+ Condividi su Twitter
Postsparkassenamt (Banca postale) - Georg-Coch Platz n. 2 - O. Wagner
Tra i capolavori di O. Wagner, del 1905 ca. è la Banca Postale, edificio che occupa interamente il grande isolato di forma trapezoidale. Il rivestimento esterno è in lastre di granito e marmo inchiodate da bulloni in alluminio. La semplice facciata, segnata dalla geometrica decorazione delle borchie che trattengono le lastre di rivestimento e dalla pensilina vetrata con struttura in alluminio, è dominata dalle due grandi figure angeliche, anch'esse fuse in alluminio, dell'attico. La cura del dettaglio si accompagna all'ordinata disposizione d'insieme: le lastre che rivestono le pareti esterne sono in leggero rilievo e vivacizzano plasticamente l'edificio.
Tutto è perfettamente disegnato e le superfici sono trattate con materiali diversi: al posto delle membrature restano solo tracce grafiche in un tessuto percorso da nastri.

Il programma di Wagner è uguale a quello dei Belgi o della scuola di Glasgow: la nuova architettura deve liberarsi da ogni imitazione e tener conto delle condizioni tecniche moderne. Il punto cruciale è che sotto questa parola "nuovo", che riassume il rifiuto della tradizione, si celano diversi indirizzi. Wagner intende il rinnovamento del linguaggio architettonico in modo ristretto: generalmente non si allontana dagli schemi compositivi usuali, dalle planimetrie simmetriche, dalla comune dislocazione degli elementi decorativi, ma riconduce preferibilemnte gli effetti plastici alla superficie: valori cromatici piuttosto che plastici, disegni ornamentali piani al posto di chiaroscuri, combinazioni di linee invece di articolazioni di volumi. Questo procedimento sarà generalizzato nel decennio successivo e diventerà una delle componenti fondamentali del gusto europeo anche quando il Movimento Moderno avrà eliminato il riferimento agli stili storici.

APPUNTI DI VIAGGIO
L'AREA DEL RING
LANDSTRASSE
L'INNERE STADT
SCHONBRUNN
CHIUSA DI NOSSDOLF
TRA IL RING E IL GURTEL

 
 
ARCHITETTURA&VIAGGI è una realizzazione di Sonia Piazzini e Francesco Pinzani. Tutti i contenuti quali logo, impostazione grafica, testi e fotografie sono di proprietà esclusiva degli autori del sito. Pertanto ARCHITETTURA&VIAGGI ed i suoi contenuti NON sono utilizzabili liberamente per scopi commerciali in quanto protetti dalle leggi italiane e internazionali sul diritto di autore.